Senza sede e senza pareti. Nasce il Museo diffuso dell’abbandono

In Romagna, un progetto ambizioso. Architetture dimenticate riprendono vita attraverso gli occhi di otto artisti “speleologi”. È il luogo a essere il vero protagonista e non più solo il contenitore. Il taglio scelto per i lavori di DO.VE, “prima mostra e itinerario” è rigorosamente cinematografico. Ne abbiamo parlato con Patrizia Giambi.

 

 

Scritto da  su Artribune 13 maggio 2015

Chiesa-di-Petrignone-Forlì-Deposizione-dell’uomo-di-pane-realizzata-da-Matteo-Lucca-photo-Filippo-Venturi
Chiesa-di-Petrignone-Forlì-Deposizione-dell’uomo-di-pane-realizzata-da-Matteo-Lucca-photo-Filippo-Venturi
Ex-Silos-Martini-Meldola-photo-Patrizia-Giambi
Ex-Silos-Martini-Meldola-photo-Patrizia-Giambi

vedi l’articolo originale:

http://www.artribune.com/2015/05/senza-sede-e-senza-pareti-nasce-il-museo-diffuso-dellabbandono/

Advertisements